nel precipizio della specie

il silenzio anticipa
il mormorio del corpo
l’indistinto estraneo
resiste alla parvenza d’esser solo un rumore confuso
un’esistenza che si anima
nel sonno

*

passando oltre tutto si compie
sopravvengono le nubi
a formare la sera
una fuliggine dentro la pupilla
un movimento inusitato sopra le cose
che costringe a colmare l’inquietudine oscura
dentro aiuole fiorite
lì dove l’anima si desta niente
davvero muore.

*

la nudità è stare appesi
all’umanità che rischia di cadere
la fede è questo salto
nel precipizio della specie

*

nel gioco dei nomi divini
il buio prelude a una scelta
in bilico tra l’amore e una via muta
dove si sta immemori della luce
perché di questa impossibilità
io trovi la traccia il divenire

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in generazione di parole. Contrassegna il permalink.

2 risposte a nel precipizio della specie

  1. Carla Bariffi ha detto:

    c’è un’eleganza sottile, una delicatezza, una sensibilità
    nel tuo dire, un poetare alto
    che non conosce imperativi

    Ciao Mirella, un saluto dal mio lago al tuo mare …:-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...