Nascinu stiddi

nascinu stiddi
ca nun si vonnu ammucciari
mennuli di celu tenniri e duci
nni fannu vidiri granni la luci
di sti jorna scurusi
sunnu paroli d’amuri

nascono stelle
che non vogliono nascondersi
mandorle di cielo tenere e dolci
Ci fanno vedere grande la luce
di questi giorni bui
sono parole d’amore

(dedicata a Tancredi, nato oggi)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in generazione di parole. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Nascinu stiddi

  1. carla ha detto:

    è meravigliosa…come la lingua che si fa canto e il canto che si fa nascita…

  2. ciprea ha detto:

    Questi versi sono nati nel dormiveglia, proprio come un canto, li ho trascritti appena sveglia del tutto. Dopo qualche ora ho saputo che stava per nascere il bimbo atteso da una mia cara amica siciliana… Ne ho dedotto che erano per Tancredi, quella piccola creatura si stava annunciando…

  3. mitedora ha detto:

    auguri a stiddi Tancredi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...