Archivi del mese: novembre 2011

ti direi

ti direi che il cielo migra sugli scuri quando smettiamo l’esercizio delle parole, le consuetudini distratte appoggiate ai muri. preferisco scriverti di bocche ai bordi delle tazze di seni fioriti, rossi gerani alle tue mani d_estate. piccoli dettagli ritrovati – come … Continua a leggere

Pubblicato in generazione di parole | 14 commenti

ofelia

alle porte rincasava anonima straniata ai volti – a simmetrie lontane dai suoi polsi, lei  – collinare al dispiegarsi delle ombre – muoveva appena i fuochi con i fianchi gli occhi dilatati all’erta dai soliti stereotipi – i diluvi universali l’invasione … Continua a leggere

Pubblicato in morte, teatro | 3 commenti

il cielo accanto

ora lui che si confonde col cielo è una fotografia che sparisce fin dove l’occhio giunge. oltre l’andare a piedi scalzi, poche grafie il bianco dei cipressi e tutto intorno lieve lo scalpiccio dei passi

Pubblicato in morte | 1 commento

dov’è più amore

torni come le stesse sere nude lo vedo dalle impronte che mi lasci quando l’ora predice le visioni ad altri luoghi dov’è più amore sotto le foglie calde ancora di un alito di vento

Pubblicato in morte | 2 commenti

dell’alchimia: l’acqua

apotropaico azzurro gesto levare l’ancora, un riflesso scorcio la materia lavica su pareti d’acqua in verticale senso, ultimo spiraglio l’affondo nelle viscere il parto tra le insenature naufraghe gravide di semi dove insufflare ali fecondate di farfalla in grotte alchemiche

Pubblicato in alchimia | Lascia un commento

dell’alchimia: il fuoco

dal filare dei nomi a gocciole rosse sui campi il grano matura in lingue, segni al fuoco cortecce lasciate a disseccare, bianche per la memoria, nere per i voli sentieri del possibile così le nascite scorrono dentro le linee rivelazione … Continua a leggere

Pubblicato in alchimia | Lascia un commento